Sviluppi dell'orario di lavoro nel XXI secolo: durata del lavoro e sua regolamentazione nell'UE

La presente relazione esamina le tendenze principali e le pietre miliari che caratterizzano l'evoluzione degli aspetti più importanti dell'orario di lavoro previsto dai contratti collettivi nell'Unione europea durante il primo decennio del XXI secolo. Basandosi principalmente sulle informazione raccolte dalla Fondazione in tutti gli Stati membri dell'UE e in Norvegia, si concentra in particolare su cinque settori: quello chimico, metalmeccanico, bancario, della vendita al dettaglio e della pubblica amministrazione. La relazione descrive i regimi istituzionali della regolamentazione e valuta l'evoluzione sia dell'orario di lavoro convenuto (ore di lavoro previste in base ai contratti collettivi o convenute tra datori di lavoro e lavoratori) che del normale orario di lavoro (ore generalmente trascorse a svolgere un'attività lavorativa) tra il 1999 e il 2014. La relazione evidenzia la tensione che esiste tra, da una parte, la pressione per una riduzione dell'orario di lavoro in favore di un migliore equilibrio tra attività professionale e vita privata e minori problemi di salute per i lavoratori, e dall'altra, la necessità di una flessibilità dell'orario di lavoro per far fronte alle richieste della moderna economia mondiale.

Useful? Interesting? Tell us what you think. Hide comments

Aggiungi un commento