Calendario delle indagini

Printer-friendly version

Eurofound conduce 3 indagini paneuropee ripetendole a intervalli regolari. Di seguito sono riportate informazioni dettagliate riguardanti le indagini concluse e quelle in programma.

Indagine europea sulle condizioni di lavoro (EWCS)

Eurofound ha condotto cinque indagini sull'ambiente di lavoro in Europa (negli anni 1990/91, 1995/96, 2000, 2005 e 2010). Tra il 2001 e il 2002 ha sottoposto ad indagine anche i paesi in via di adesione e quelli candidati.

  • Prossimamente: al momento la sesta indagine è prevista per il 2015.
  • 2010 - Ultime notizie: è stata condotta la quinta indagine europea sulle condizioni di lavoro. I primi risultati sono ora disponibili per la consultazione
  • 2005: rilevazioni sul campo per la quarta indagine europea sulle condizioni di lavoro
  • 2001/2002: indagine dei paesi in via di adesione (nuovi Stati membri) e dei paesi candidati: 11 000 lavoratori intervistati
  • 2000: terza indagine europea sulle condizioni di lavoro: 21 500 lavoratori intervistati
  • 1995/96: seconda indagine europea sulle condizioni di lavoro: 15 800 lavoratori intervistati
  • 1990/91: un breve prototipo di indagine ha interessato 12 paesi che, all'epoca, costituivano gli Stati membri della CE

Indagine europea sulla qualità della vita (EQLS)

  • Prossimamente: la terza indagine sarà condotta nel corso del 2011
  • 2007 - Ultime notizie: le rilevazioni sul campo per la seconda indagine sono state effettuate nel 2007 
  • 2003: questa indagine è stata realizzata per la prima volta nel 2003, interessando un totale di 28 paesi (25 Stati membri e tre paesi candidati).

Indagini sulle imprese europee (ECS)

  • Prossimamente: la terza indagine è prevista per il 2012
  • 2009 - Ultime notizie: la seconda indagine è stata effettuata nel 2009 e ha riguardato trenta paesi (27 Stati membri e tre paesi candidati).
  • 2004/2005: Eurofound ha avviato la prima indagine riguardante le politiche sugli orari di lavoro e l'equilibrio tra lavoro e vita privata adottate dalle aziende presenti negli Stati membri dell'UE a 15 e in sei nuovi Stati membri, ossia: Cipro, Repubblica ceca, Ungheria, Lettonia, Polonia e Slovenia.