Indagine europea sulla qualità della vita 2016

PDF version Printer-friendly version

Indagine europea sulla qualità della vita 2016

Le conclusioni principali e i risultati complessivi dell’indagine europea sulla qualità della vita 2016 sono consultabili in una presentazione interattiva.

L’indagine europea sulla qualità della vita (EQLS) di Eurofound documenta le condizioni di vita e la situazione sociale delle persone ed esamina tematiche che riguardano la vita dei cittadini europei. Dal settembre 2016 al marzo 2017 Eurofound ha condotto la sua quarta indagine della serie (esistente dal 2003). Nel corso dell’indagine EQLS 2016 sono state intervistate quasi 37 000 persone in 33 paesi: i 28 Stati membri dell’UE e cinque paesi candidati (Albania, ex Repubblica jugoslava di Macedonia, Montenegro, Serbia e Turchia). I risultati dell’indagine forniscono informazioni dettagliate su un’ampia gamma di tematiche in tre ambiti principali:

  • qualità della vita: benessere soggettivo, ottimismo, salute, livello di vita e aspetti della privazione, equilibrio tra vita professionale e privata;
  • qualità della società: insicurezza sociale, percezione di esclusione sociale e tensioni sociali, fiducia nelle persone e nelle istituzioni, partecipazione e impegno della comunità e coinvolgimento nella formazione / nell’apprendimento permanente;
  • qualità dei servizi pubblici: assistenza sanitaria, assistenza a lungo termine, assistenza all’infanzia e altri servizi pubblici.

Principali conclusioni

Data explorer

È possibile visualizzare, esaminare e confrontare i dati dell’UE e quelli nazionali sulla qualità della vita, della società e dei servizi pubblici nel data explorer interattivo.

Nel complesso, i risultati dell’indagine EQLS 2016 mostrano un progresso generale nei tre principali settori di analisi: qualità della vita, qualità della società e qualità dei servizi pubblici, sebbene non in tutti i paesi e non per tutti i gruppi sociali.

Vi è stato un progresso generale nella qualità della vita, laddove alcune dimensioni sono tornate ai livelli precedenti la crisi. Ad esempio, rispetto all’indagine precedente i livelli di ottimismo sono aumentati, la soddisfazione per il livello di vita è cresciuta e la soddisfazione per la vita e i livelli di felicità rimangono stabili. La soddisfazione per il livello di vita nei diversi Stati membri ha evidenziato una convergenza, la qualità della salute dichiarata è migliorata nel complesso e le difficoltà materiali sono diminuite (più persone riescono ad arrivare a fine mese). Tuttavia è peggiorato l’equilibrio tra vita professionale e privata e in due terzi dei paesi vi sono serie preoccupazioni riguardo alla disponibilità di un reddito insufficiente in età avanzata.

I risultati rivelano un miglioramento generale della qualità degli indicatori relativi alla società dal 2011. La fiducia nelle istituzioni nazionali è cresciuta, l’impegno e la partecipazione alle organizzazioni sociali sono in ascesa, la fiducia tra le persone di età compresa tra i 18 e i 24 anni è aumentata, i sentimenti di esclusione sociale sono diminuiti e le tensioni tra poveri/ricchi, dirigenti/lavoratori, vecchi/giovani, uomini/donne si sono ridotte. Nondimeno è aumentata leggermente la percezione di tensioni tra gruppi religiosi ed etnici e, in misura minore, di quelle basate sull’orientamento sessuale.

I dati mostrano anche un miglioramento complessivo nelle valutazioni della qualità dei servizi pubblici rispetto alla versione precedente dell’indagine. I livelli di soddisfazione nei confronti di diversi servizi pubblici fondamentali, quali l’assistenza sanitaria e il trasporto pubblico, sono aumentati; l’assistenza all’infanzia è migliorata in diversi paesi in cui in precedenza erano state registrate basse valutazioni; in diversi paesi è emersa la nuova questione dell’accesso agli impianti di riciclaggio, mentre l’accesso ai servizi bancari nelle zone rurali rappresenta un problema in alcuni paesi. Tuttavia la qualità dei servizi pubblici varia ancora ampiamente tra gli Stati membri.

Premessa

Questa esclusiva indagine paneuropea, che viene condotta ogni quattro o cinque anni, esamina sia le circostanze oggettive della vita dei cittadini sia le loro sensazioni riguardo a tali circostanze e alla vita in generale, allo scopo di creare una ricca fonte di dati sulla qualità della vita delle persone in Europa. L’indagine presenta dati su questioni che le statistiche generali non trattano, come la qualità percepita della società, la fiducia nelle istituzioni e le tensioni sociali. Analizza una serie di questioni quali alloggio, privazione, famiglia, salute e benessere ed esamina altresì temi soggettivi, come i livelli di felicità delle persone, il grado di soddisfazione in relazione alla loro vita e la loro partecipazione alla società.

  • EQLS 2003: ha riguardato 28 paesi: l’UE25 e i tre paesi candidati Bulgaria, Romania e Turchia
  • EQLS 2007: ha riguardato 31 paesi: l’UE27, la Norvegia e i paesi candidati Croazia, ex Repubblica jugoslava di Macedonia e Turchia
  • EQLS 2011: ha riguardato 34 paesi: l’UE27 e sette paesi candidati o in fase di preadesione: Croazia, ex Repubblica jugoslava di Macedonia, Islanda, Kosovo, Montenegro, Serbia e Turchia
  • Nuova EQLS 2016: ha riguardato 33 paesi: l’UE28 e i cinque paesi candidati Albania, ex Repubblica jugoslava di Macedonia, Montenegro, Serbia e Turchia.

Metodologia

L’EQLS è un’indagine sulla popolazione adulta (di età superiore a 18 anni) che vive in famiglia, si basa su un campione statistico e riguarda una sezione trasversale della società. A seconda delle dimensioni del paese e degli accordi nazionali, il campione del 2016 variava da 1 000 a 2 000 persone per paese.

Il partner dell’indagine di Eurofound, Kantar Public, ha effettuato interviste individuali presso l’abitazione delle persone mediante computer-assisted personal interviewing (CAPI) sulla base di un elenco esaustivo di domande relative alla qualità della vita (tutte le informazioni raccolte sono state trattate con la massima riservatezza garantendo l’anonimato di ciascun intervistato). Il questionario dell’indagine EQLS 2016 ha dedicato un’attenzione particolare ai servizi pubblici: assistenza sanitaria, assistenza a lungo termine, assistenza all’infanzia e scuole, misurando diversi aspetti della qualità come l’accesso equo, le strutture, il personale e le informazioni disponibili per i cittadini. I particolari relativi alla metodologia di indagine sono disponibili online.

Ulteriori informazioni

  • Di prossima pubblicazione: pubblicazione dell’indagine europea sulla qualità della vita 2016: relazione di sintesi.
  • Febbraio 2018: dibattito sull’indagine europea sulla qualità della vita (Bruxelles).
  • I microdati della quarta indagine EQLS saranno disponibili nel marzo 2018.

Le analisi secondarie dei dati dell’indagine condotte da Eurofound comprenderanno i seguenti argomenti:

  • fiducia nelle istituzioni in Europa nel XXI secolo,
  • coesione sociale e benessere in Europa,
  • differenze intergenerazionali,
  • qualità dei servizi pubblici.

Per ulteriori informazioni sulle indagini europee sulla qualità della vita, contattare Tadas Leončikas.

Useful? Interesting? Tell us what you think. Hide comments

Aggiungi un commento

Click to share this page to Facebook securely

Click to share this page to Twitter securely

Click to share this page to Google+ securely

Click to share this page to LinkedIn securely