Relazioni industriali e dialogo sociale

14 Giugno 2022

Le relazioni industriali e il dialogo sociale rappresentano una delle sei attività principali del programma di lavoro di Eurofound per il periodo 2021-20Read more

Le relazioni industriali e il dialogo sociale rappresentano una delle sei attività principali del programma di lavoro di Eurofound per il periodo 2021-2024. La Fondazione continuerà a operare come centro di competenze per il monitoraggio e l’analisi degli sviluppi dei sistemi di relazioni industriali e del dialogo sociale a livello nazionale e dell’UE. Continuerà a sostenere il dialogo tra le parti sociali, anche alla luce dell’impatto della COVID-19 , avvalendosi delle competenze della propria rete di corrispondenti a livello nazionale.

Nei prossimi quattro anni, Eurofound fornirà importanti informazioni sulle sfide e le prospettive nel settore delle relazioni industriali e del dialogo sociale nell’UE. Con un’esperienza consolidata in questo campo, la Fondazione analizza i principali sviluppi che interessano i soggetti attivi, i processi e i risultati chiave delle relazioni industriali. Mette a confronto i sistemi nazionali di relazioni industriali, compreso il dialogo sociale e la contrattazione collettiva . Partendo dalla sua banca dati «COVID-19 EU PolicyWatch», creata nel 2020, Eurofound monitorerà le iniziative strategiche dei governi, delle parti sociali e di altri soggetti attivi per attenuare le ricadute sociali ed economiche della crisi, nonché per contribuire agli sforzi di ripresa. Continuerà a riferire regolarmente sugli sviluppi in materia di fissazione delle retribuzioni salario minimo orario di lavoro , nonché sui risultati della vita lavorativa.

Le competenze di Eurofound promuovono lo sviluppo delle capacità delle parti sociali di realizzare un dialogo sociale efficace; inoltre, l’Agenzia promuove lo sviluppo del dialogo sociale europeo esaminando la rappresentatività delle organizzazioni delle parti sociali in diversi settori, per valutare la loro idoneità a partecipare ai comitati di dialogo sociale.

 

«Il nostro compito è sostenere il dialogo tra le parti sociali. Ritengo che i dati che elaboriamo insieme e le ricerche che facciamo siano importanti, se aiutano i soggetti interessati a funzionare meglio... Un dialogo sociale vivace rientra in quella che si potrebbe definire un’economia sociale di mercato, che è ciò che l’Unione europea si propone di realizzare».

— David Foden, consulente, relazioni industriali

Read less

Aggiornamenti recenti

Social dialogue as a pillar of resilience and social cohesion: How to strengthen the collective approach?

Eurofound and the ILO are organising an in-person event. Social dialogue as a pillar of resilience and social cohesion...

Working life in the COVID-19 pandemic 2021

This publication consists of individual country reports on working life during 2021 for 28 countries – the 27 EU Member...

Living and working in Europe 2021

The COVID-19 pandemic continued to be a defining force in the lives and work of Europeans for a second year in 2021,...

Receive updates

Subscribe to updates on our work in the area of Relazioni industriali e dialogo sociale

Registrati

Affrontare le priorità dei portatori di interessi

Top

La ricerca di Eurofound si prefigge di aiutare le istituzioni europee, le autorità pubbliche nazionali e le parti sociali a vari livelli nell’affrontare le sfide che l’UE e gli Stati membri devono affrontare nei settori dell’elaborazione delle politiche, del dialogo sociale, della contrattazioneRead more

La ricerca di Eurofound si prefigge di aiutare le istituzioni europee, le autorità pubbliche nazionali e le parti sociali a vari livelli nell’affrontare le sfide che l’UE e gli Stati membri devono affrontare nei settori dell’elaborazione delle politiche, del dialogo sociale, della contrattazione collettiva e della regolamentazione dei rapporti di lavoro.

Il programma di lavoro dell’Agenzia è allineato agli orientamenti strategici della Commissione europea per i prossimi quattro anni, alimentando direttamente una serie di settori politici chiave volti a creare una forte Europa sociale. In particolare, Eurofound sosterrà le iniziative strategiche nell’ambito del pilastro europeo dei diritti sociali legate al dialogo sociale e al coinvolgimento dei lavoratori, soprattutto all’indomani della pandemia di COVID-19. Saranno disponibili risultati specifici per informare il dibattito politico europeo sul salario minimo e sulla trasparenza retributiva, nonché sull’orario di lavoro. In consultazione con la Commissione europea, Eurofound continuerà il suo lavoro incentrato sul dialogo sociale europeo attraverso una serie di studi di rappresentatività in settori selezionati.

Read less

Messaggi strategici chiave

Top

Industrial relations and social dialogue infographic
Infografica

I principali risultati emersi dalla ricerca di Eurofound servono ai responsabili politici da spunto per affrontare alcune delle questioni chiave in questo settore.

  • Attraverso la contrattazione collettiva, le parti sociali svolgono un ruolo cruciale nel garantire un trattamento equo per i lavoratori europei e un quadro stabile e prevedibile per i datori di lavoro.
  • Una contrattazione collettiva efficace garantisce che la concorrenza tra le imprese, grazie a norme comuni in materia di retribuzione e condizioni di lavoro, possa concentrarsi sull’aumento dell’efficienza piuttosto che sullo sfruttamento della forza lavoro.
  • I sistemi delle relazioni industriali sono sempre più a rischio a causa dell’evoluzione della società, dei mercati e dell’organizzazione del lavoro. Tale situazione ha comportato sfide per la capacità di intervento dei principali soggetti attivi a livello dei sistemi di relazioni industriali degli Stati membri.
  • In termini di retribuzione, i risultati mostrano che sette lavoratori su 10 nell’UE che percepiscono il salario minimo riferiscono quantomeno una certa difficoltà nell’arrivare a fine mese, rispetto a meno di cinque su 10 degli altri lavoratori; queste cifre variano tuttavia notevolmente da un paese all’altro. A fronte della pandemia, i salari minimi possono svolgere un ruolo nella combinazione di politiche per stabilizzare i redditi e quindi la richiesta di contrastare una spirale discendente in recessione o depressione.
  • L’efficacia del dialogo sociale europeo dipende da forti legami con il livello nazionale, per cui l’agenda dell’UE continua a essere pertinente e gli accordi autonomi dell’UE vengono attuati in modo significativo a livello nazionale.
  • Mentre dal dialogo sociale europeo sono emerse diverse iniziative congiunte, pochi accordi sono stati conclusi. Si teme che in alcuni settori le richieste delle parti sociali di attuare gli accordi attraverso la legislazione europea siano state respinte e che siano necessari migliori collegamenti tra i livelli UE e nazionali.
  • Le tendenze in calo della densità sindacale sono motivo di preoccupazione in molti Stati membri. Meno di un posto di lavoro su tre (con più di 10 lavoratori) nell’UE (29 %) vanta una qualche forma di rappresentanza dei lavoratori. I requisiti legislativi rappresentano un fattore chiave per la presenza della rappresentanza.
  • La contrattazione collettiva rimane al centro dei sistemi di relazioni industriali in seno all’UE. I responsabili politici dovrebbero cogliere l’opportunità della crisi da COVID-19 per introdurre nuove iniziative al fine di promuovere, rafforzare e sostenere la contrattazione collettiva.
  • Oltre agli sforzi delle parti sociali, un dialogo sociale efficace e relazioni industriali ben funzionanti richiedono fondi pubblici nonché il sostegno delle autorità pubbliche. I responsabili politici dovrebbero esplorare nuove forme di trasferimento delle conoscenze, di stanziamento di risorse e di impegno con le parti sociali a livello di Unione europea e nazionale.
  • La salvaguardia e la promozione di relazioni industriali eque, ben funzionanti ed equilibrate è fondamentale per garantire una crescita inclusiva e sostenibile nonché il progresso sociale nell’UE. A seguito della COVID-19, rappresenterà anche un modo importante per i responsabili politici di integrare la dimensione sociale ed economica dell’UE, come stabilito nel pilastro europeo dei diritti sociali.
Read less

Ricerca attuale e in corso

Top

Nel 2022 Eurofound continuerà a riferire a livello nazionale in merito alle tendenze e agli sviluppi in termini di relazioni industriali, di dialogo sociale e di normative e risultati riguardanti la vita professionaRead more

Nel 2022 Eurofound continuerà a riferire a livello nazionale in merito alle tendenze e agli sviluppi in termini di relazioni industriali, di dialogo sociale e di normative e risultati riguardanti la vita professionale. In tale contesto, sarà condotta un’analisi dei diversi fattori di cambiamento, esaminando come questi incidono sulle relazioni industriali e come le relazioni industriali plasmano i processi e l’impatto dei cambiamenti.

Per sostenere il dialogo sociale europeo, l’Agenzia realizzerà studi sulla rappresentatività delle organizzazioni delle parti sociali nei settori del gas, dell’elettricità, dell’aviazione civile, dell’alimentazione e delle bevande e del tessile. Saranno pubblicate le revisioni annuali dei salari minimi e quelle riguardanti l’orario di lavoro nell’UE. Sarà elaborata una relazione sugli sviluppi della contrattazione collettiva alla luce della crisi sanitaria, sociale ed economica connessa alla COVID-19. I dati raccolti dalla rete di corrispondenti di Eurofound alimenteranno anche gli aggiornamenti dei profili dei paesi in materia di vita lavorativa e la banca dati su salari, orario di lavoro e controversie collettive.

Sulla base dei lavori svolti in precedenza, compresa l’analisi delle misure a sostegno della contrattazione collettiva, Eurofound prevede di organizzare un «forum estivo» tripartito sullo sviluppo delle capacità, destinato ai professionisti da inizio a metà carriera.

Eurofound svolgerà il suo esercizio annuale di analisi del ruolo delle parti sociali nazionali nell’elaborazione delle politiche, nel contesto del processo del semestre europeo e del dispositivo per la ripresa e la resilienza. Nel 2022 saranno pubblicati i risultati incentrati sulle misure volte a promuovere la ripresa, a seguito della crisi sanitaria e sociale, e il nuovo ciclo di lavoro si concentrerà sul piano d’azione per il pilastro europeo dei diritti sociali.

Proseguirà il monitoraggio regolare dei sistemi di relazioni industriali, anche attraverso l’aggiornamento periodico della banca dati EU PolicyWatch di Eurofound e del Dizionario europeo delle relazioni industriali.

Nelle sezioni seguenti è possibile accedere a una serie di pubblicazioni, dati e lavori in corso su questo argomento.

Read less
  • Pubblicazioni (2361)
  • Dati
  • Lavori in corso (14)

Dati

Data related to this topic are linked below.

Lavori in corso

Le ricerche su questo argomento continuano, prendendo in esame vari temi indicati di seguito con link ai titoli in programma.

Receive updates

Subscribe to updates on our work in the area of Relazioni industriali e dialogo sociale

Any personal data (names, e-mail, etc.) that you provide to us by completing the forms which appear on our website (e.g. comment forms) will be processed in accordance with Regulation (EU) 2018/1725 of the European Parliament and of the Council of 23 October 2018 on the protection of natural persons with regard to the processing of personal data by the Union institutions, bodies, offices and agencies and on the free movement of such data. The purpose of collection of personal data is to allow interaction between Eurofound and external users who provide their feedback on or express their interest in our work.

You have the right to obtain access to and rectification of your personal data. You may also, under certain circumstances, ask to have this data blocked or request the erasure of personal data which you consider to have been unlawfully processed; or object to the processing of your personal data at any time on legitimate compelling grounds relating to your particular situation.