Mercati del lavoro funzionanti e inclusivi

11 December 2019

Il buon funzionamento dei mercati del lavoro è un prerequisito per sfruttare appieno il potenziale dell’economia in termini di creazione di posti di lavoro una volta superata la crisi finanziaria ed economica. La crisi ha avuto innumerevoli conseguenze per il mercato del lavoro negli Stati membri dell’UE e alcuni gruppi come i giovani e le persone con un basso livello di istruzione ne sono stati particolarmente colpiti. Inoltre, i rapidi cambiamenti strutturali in corso comportano nuove sfide legate a eventuali carenze di manodopera e squilibri tra domanda e offerta di competenze in vari settori e regioni.

Il principale strumento dell’UE per promuovere l’occupazione e l’inclusione sociale è il Fondo sociale europeo che aiuta le persone a trovare un lavoro, integra i soggetti svantaggiati nella società e garantisce opportunità di vita più eque per tutti. Vi è inoltre un’ampia normativa europea che disciplina i diritti dei lavoratori nel mercato del lavoro. Per di più, nell’aprile 2017, la Commissione europea ha istituito il pilastro europeo dei diritti sociali, che amplia e integra la politica sociale e occupazionale dell’UE al fine di orientare le politiche in alcuni ambiti fondamentali per il buon funzionamento e per l’equità dei mercati del lavoro e dei sistemi previdenziali.

Il lavoro di Eurofound

Le ricerche di Eurofound mirano ad approfondire la comprensione delle dinamiche dei mercati del lavoro in tutta Europa, informando la sfera politica affinché migliori il loro funzionamento. Considerati i livelli costantemente elevati di disoccupazione in alcuni Stati membri, le politiche a sostegno della reintegrazione dei disoccupati nel mercato del lavoro e quelle rivolte a gruppi specifici (giovani, migranti, donne o disoccupati anziani) rivestono particolare interesse. Eurofound ha prodotto un ampio corpus di testi in questo settore, incentrandosi negli ultimi anni su questioni quali i problemi dei giovani, i rapporti tra genere e lavoro, nuove forme di occupazione, la mobilità e la migrazione nonché le retribuzioni.

Contributi chiave

Eurofound ha analizzato le sfide occupazionali e sociali affrontate dai giovani. Alcuni studi hanno esaminato questioni riguardanti l’inclusione sociale e la necessità di considerare la diversità dei giovani vulnerabili quando si elaborano politiche di sostegno nei loro confronti. Inoltre Eurofound si è occupato dell’imprenditorialità giovanile e dei tipi di misure rivelatisi efficaci nel favorirla.

Un altro filone di ricerca ha evidenziato i costi sociali ed economici del divario occupazionale di genere e ha valutato l’efficacia di misure politiche volte a promuovere la partecipazione delle donne al mercato del lavoro.

Un ulteriore filone di ricerca in corso esamina nuove forme di occupazione diverse dall’occupazione tradizionale (standard o non standard) e tratta le relative conseguenze per le condizioni e i mercati del lavoro. Alla ricerca iniziale in materia di tipologia hanno fatto seguito esami approfonditi su nuove forme specifiche di occupazione, quali la condivisione strategica dei dipendenti e il lavoro mobile svolto tramite dispositivi TIC.

La ricerca in materia di mobilità ha fornito un quadro aggiornato per quanto riguarda la circolazione della manodopera in Europa e l’impatto della crisi economica sulle migrazioni.

Eurofound ha anche condotto analisi approfondite su vari temi correlati ai cambiamenti sul mercato del lavoro, tra cui l’anzianità lavorativa nella stessa impresail lavoro a tempo determinato e il passaggio dei giovani dalla formazione alla professione.

Ongoing work

Highlights (15)

Tutti (58)

Publications (42)

Articles (4)

News (7)

Events (5)