Relazioni industriali

07 Aprile 2020

Sindacati, organizzazioni di datori di lavoro e autorità pubbliche svolgono tutti un certo ruolo nella governance dei rapporti di lavoro, trattandosi di parti interconnesse di un sistema che opera a livello europeo, nazionale, settoriale, regionale e aziendaleRead more

Sindacati, organizzazioni di datori di lavoro e autorità pubbliche svolgono tutti un certo ruolo nella governance dei rapporti di lavoro, trattandosi di parti interconnesse di un sistema che opera a livello europeo, nazionale, settoriale, regionale e aziendale. Poiché la tecnologia e le forme di lavoro si evolvono all’interno di un ambiente economico in costante mutamento, negli ultimi anni i sistemi delle relazioni industriali hanno affrontato sfide cruciali.

In tale contesto, nel 2015 la Commissione europea ha dato il via a un “nuovo inizio” per il dialogo sociale europeo. In una dichiarazione congiunta del giugno 2016, la Commissione, il Consiglio dell’Unione europea e le parti sociali hanno evidenziato il suo ruolo fondamentale quale componente significativa dell’occupazione e dell’elaborazione delle politiche sociali dell’UE.

Read less

Recent updates

Reviewing the role of the social partners in the EU Semester

This report continues Eurofound’s work of recording the involvement of the national social partners in the European...
Forthcoming

What Europe can learn from living-wage campaigns

The coronavirus disease (Covid-19) is having drastic consequences for the world of work. In most European countries...

Representativeness of the European social partner organisations: Civil aviation (groundcrew and air traffic control crew)

This study provides information allowing for an assessment of the representativeness of the actors involved in the...
Forthcoming
Top

Il lavoro di Eurofound

Read more

Il lavoro di Eurofound

Da 40 anni Eurofound si evolve come centro fondamentale di competenze per il monitoraggio e l’analisi di tendenze nell’ambito delle relazioni industriali, compresi i rapporti tra il dialogo sociale europeo e quello nazionale. Basandosi sulle conoscenze della sua rete di corrispondenti europei nei 28 Stati membri dell’UE e in Norvegia, ne ha individuato gli sviluppi in tutti gli Stati membri e nell’UE nel suo complesso. 

Contributi chiave

Eurofound ha redatto una serie di analisi comparative, articoli e studi di casi nell’UE-28 e in Norvegia nel settore delle relazioni industriali, oltre ad aggiornare regolarmente banche dati su temi correlati.

Uno studio recente identifica e discute gli aspetti e gli indicatori chiave che riguardano i sistemi delle relazioni industriali in Europa nel XXI secolo. Un altro filone di ricerca si occupa di come le parti sociali nell’UE e in Norvegia abbiano sondato nuovi temi, strumenti e approcci innovativi per rispondere alle tante nuove sfide politiche, giuridiche e sociali sorte negli ultimi anni.

La retribuzione e l’orario lavorativo continuano a destare grande interesse e vengono rivisti ogni anno. Una parte del recente aggiornamento in materia di retribuzione riguarda i livelli di salario minimo legale nell’UE, mentre un’altra verte sulla contrattazione salariale collettiva .

Dal 2006 Eurofound conduce alcuni studi sulla rappresentatività delle organizzazioni settoriali europee delle parti sociali, come richiesto dalla Commissione europea.

Risorse

Relazioni sugli sviluppi della vita lavorativa

Eurofound fornisce dati sistematici e comparabili sui sistemi nazionali delle relazioni industriali e sugli sviluppi della vita lavorativa attraverso strumenti di monitoraggio e comunicazione basati sui contributi della sua rete di corrispondenti europei nei 28 Stati membri e in Norvegia.

 

Read less

Receive updates

Subscribe to updates on our work in the area of Relazioni industriali

Registrati

Key outputs over the years

Show more (11)
  • Publications (2194)
  • Ongoing work (21)

Ongoing work

 

Other ongoing work

    • Social dialogue in companies, particularly linkages that can be drawn between national and EU level, to better understand of cooperation mechanisms used in decision-making and implementation in multinational companies
    • Exploration of the role of national social partners in the European semester and analysis of quality and effectiveness of their involvement
    • Summary of discussions on capacity-building social dialogue to support a meaningful and effective social dialogue
    • A flagship report on industrial relations covering topics related to both social dialogue and working life developments, including updates on collectively agreed pay
    • Representativeness studies on a variety of sectors to provide the European Commission required information to assess the representativeness of European sectoral social partner organisations
    • Highlights of recent developments of selected features of working life in so called topical updates, with one featuring statutory minimum wages
    • Updated time series in EurWORK database of wages, working time and collective disputes
    • Updated time series and update on developments in collectively agreed pay
    • Exploring the feasibility for an Industrial Action Monitor

    Receive updates

    Subscribe to updates on our work in the area of Relazioni industriali

    Any personal data (names, e-mail, etc.) that you provide to us by completing the forms which appear on our website (e.g. comment forms) will be processed in accordance with Regulation (EU) 2018/1725 of the European Parliament and of the Council of 23 October 2018 on the protection of natural persons with regard to the processing of personal data by the Union institutions, bodies, offices and agencies and on the free movement of such data. The purpose of collection of personal data is to allow interaction between Eurofound and external users who provide their feedback on or express their interest in our work.

    You have the right to obtain access to and rectification of your personal data. You may also, under certain circumstances, ask to have this data blocked or request the erasure of personal data which you consider to have been unlawfully processed; or object to the processing of your personal data at any time on legitimate compelling grounds relating to your particular situation.